Portale tematico del Comune di Pesaro dedicato
alla verifica dell'attuazione del programma di governo (Mandato 2009 - 2014)
Consiglio comunale
domenica 17 dicembre 2017
pubblicata da 6 anni, il 8 maggio 2012 (martedì) alle 15:30

Secondo casello, confermata l'ubicazione a Santa Veneranda

Nuovo casello a Santa Veneranda, incontro in Regione con il sindaco Luca Ceriscioli e il presidente della Provincia Matteo Ricci. L'assessore alle Infrastrutture Luigi Viventi contatta Società Autostrade per verificare la disponibilità a incrementare le compensazioni in caso di opzione a valle. Infine la conclusione della vicenda con il vertice romano del 7 maggio e il voto definitivo in Consiglio comunale.

www.autostrade.it

ANCONA - Si è svolto il 13 marzo in Regione l’incontro convocato dall’assessore alle Infrastrutture Luigi Viventi per definire la questione della localizzazione del nuovo casello autostradale di Pesaro. Alla riunione erano presenti, insieme con Viventi, l’assessore Almerino Mezzolani, il sindaco di Pesaro Luca Ceriscioli e il presidente della Provincia di Pesaro-Urbino Matteo Ricci, con i tecnici delle tre amministrazioni.

Dopo adeguati approfondimenti tecnici si è condiviso il seguente orientamento. La Regione esclude l’ipotesi del casello sulla Montelabbatese, peraltro già formalmente non ammessa dal decreto ministeriale di valutazione di impatto ambientale del 2006. Si conferma inoltre la necessità della realizzazione di un casello a sud di Pesaro, in località Santa Veneranda. Per la soluzione a monte in questa zona sono state rappresentate dal sindaco e dal presidente della Provincia argomentazioni legate a una migliore funzionalità viabilistica. Per quanto riguarda invece la soluzione a valle, questa consentirebbe di ottenere risparmi, che potrebbero essere utilizzati per ulteriori opere complementari (come l'Interquartieri di Muraglia, anche alla luce della localizzazione del nuovo ospedale a Fosso Sejore).

In base agli approfondimenti tecnici compiuti, Regione, Provincia e Comune hanno condiviso la possibilità di localizzare l’opera a monte o a valle, previa verifica della disponibilità di Società Autostrade a incrementare in modo significativo la realizzazione delle opere complementari, comprese quelle di natura idrogeologica, nel caso in cui si optasse per la soluzione a valle. L’assessore Viventi ha assunto l’impegno di contattare immediatamente la Società Autostrade per dare il via alle verifiche concordate.

Aggiornamento del 23 marzo 2012. L’assessore alle Infrastrutture Luigi Viventi ha comunicato che, in seguito alla lettera di richiesta della Regione sulla costruzione del nuovo casello di Pesaro a Santa Veneranda, Società Autostrade si è resa disponibile a prendere in considerazione la realizzazione di ulteriori opere complementari, laddove si dovesse optare per la soluzione più economica, cioè quella a valle. A questo punto la decisione spetta al Consiglio comunale di Pesaro, che si dovrà pronunciare definitivamente sull’alternativa da sottoporre all’Anas (all'attenzione dell'Ispettorato di vigilanza sulle concessioni autostradali) cui spetta, in qualità di concedente, la decisione finale.

[Video-intervista al sindaco: commento alla risposta di Autostrade alla Regione]

Aggiornamento dell'8 maggio 2012. Per la localizzazione del secondo casello dell’A14 a Pesaro la scelta definitiva ricade sulla soluzione a valle in località Santa Veneranda e ciò permetterà di realizzare ulteriori opere complementari funzionali alla viabilità di adduzione all’ingresso autostradale. A questa determinazione si è giunti ieri, in seguito alla riunione che si è tenuta a Roma, all’Ispettorato di vigilanza concessioni autostradali (Ivca) dell’Anas, e alla successiva approvazione del Consiglio comunale di Pesaro. Alla riunione di Roma hanno partecipato l’assessore regionale alle Infrastrutture Luigi Viventi, l’assessore provinciale di Pesaro Massimo Galluzzi, il sindaco Luca Ceriscioli, il direttore dell’Ivca Mauro Coletta e il condirettore generale sviluppo rete di Autostrade Gennarino Tozzi.  “Abbiamo ottenuto – spiega Viventi – l’assenso di Anas e Autostrade rispetto alla proposta avanzata dalla Regione Marche di realizzare il casello autostradale a valle, da noi indicata come la più razionale e utile per l’intera comunità pesarese. Accolgo con soddisfazione questo accordo e reputo il risultato molto importante, poiché ciò permetterà di ottenere vantaggi sia in termini di contenimento dell’impatto ambientale, sia in termini di realizzazione di ulteriori opere complementari, rispetto a quelle già previste. Valuto dunque in modo estremamente positivo anche la decisione del Consiglio comunale di Pesaro, che ha approvato questa notte la medesima soluzione”. “Con la realizzazione del casello in località Santa Veneranda lato valle – spiega l’assessore - oltre ad avere un minore impatto ambientale, si rendono disponibili somme importanti, che ieri si è stabilito di destinare alla variante di Muraglia, dove già la Regione ha impegnato circa 3,8 milioni di euro con i fondi FAS, e a opere di sicurezza idrogeologica adiacenti al casello”. Le nuove opere si  aggiungeranno a quelle già approvate: la bretella di adduzione ovest tra la SP 30 Montelabbatese e la SP 423 Urbinate, il potenziamento della SP 423 Urbinate, il potenziamento della viabilità Interquartieri di Pesaro e la circonvallazione di Santa Veneranda.

Fonte: Ufficio Stampa Regione Marche

Pesaro 0914 luogo di partecipazione: chi volesse informazioni e/o chiarimenti in merito agli articoli pubblicati nella colonna centrale della homepage (relativi all'attuazione del programma di mandato nelle varie deleghe assegnate agli assessorati), può scrivere a pesaro0914@comune.pesaro.pu.it.



Comune di Pesaro - P .iva: 00272430414 - contatti - Copyright © 2010-2014 - credits