Portale tematico del Comune di Pesaro dedicato
alla verifica dell'attuazione del programma di governo (Mandato 2009 - 2014)
Consiglio comunale
mercoledì 13 dicembre 2017
pubblicata da 5 anni, il 19 giugno 2012 (martedì) alle 12:20

La mostra per i 400 anni del Cantarini unisce l'arte di Pesaro e Fano

Categoria: Cultura

Presenti l’assessore alla Cultura Gloriana Gambini, il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio Gianfranco Sabbatini, il presidente di Ente Olivieri Riccardo Paolo Uguccioni (con il direttore Marcello Di Bella) e la curatrice della mostra Anna Maria Ambrosini. Presenti anche il presidente della Fondazione Carifano Fabio Tombari e il vicepresidente Alberto Berardi in qualità di promotori dell’evento che si inaugurerà a Fano nella settimana antecedente la mostra pesarese, proprio a rappresentare un ideale collegamento tra gli eventi culturali che avranno luogo nelle due città marchigiane.

www.museicivicipesaro.it

Il poster della mostra sul Cantarini

PESARO - Si è tenuta nella sala Bellini dei Musei Civici la presentazione della mostra dedicata a Simone Cantarini nel quattrocentesimo anniversario della nascita. Il progetto nasce dalla collaborazione tra le città di Pesaro, Fano e Rimini con una originale prospettiva di lavoro, studio e comunicazione integrati.

Sono tre gli eventi pensati per valorizzare storia, opere e temi dei luoghi coinvolti. L'esposizione pesarese, accolta ai Musei Civici, verrà inaugurata sabato 7 luglio.

Artista geniale e ribelle, passionale e irruento, sensibile e arrogante, ma anche poeta e mercante, Simone Cantarini nasce a Pesaro nel 1612 e muore a Verona nel 1648; un provinciale - oggi ai vertici della connoisseurship e del mercato internazionali - che osò sfidare Guido Reni, il ‘divino’ maestro.

In occasione dei 400 anni dalla nascita, Fano, Pesaro e Rimini - le tre città adriatiche tra cui quella che gli diede i natali e il noto soprannome (il Pesarese) - celebrano la speciale occasione, promuovendo tre eventi diversi ma strettamente connessi, e pensati, per valorizzare storia, opere e temi delle sedi coinvolte.

Così articolato su tre territori e altrettanti temi, il progetto consente di mettere a fuoco, da inediti punti di vista, quanto del pittore conserva la sua terra, in particolare tra Pesaro e Fano, luoghi primari della formazione e snodi della carriera, ma anche di ampliare lo sguardo attingendo a opere provenienti da musei e collezioni private nazionali e internazionali. Ne deriverà una prospettiva 'completa' sulla figura dell’artista e sui rapporti con i luoghi d’origine, argomento centrale per la sua moderna comprensione ormai concordemente sottratta alla limitante lettura di allievo del Reni.

Ogni mostra avrà un suo catalogo, per dar conto della singolarità delle esposizioni che, dopo le monografiche tenute nel 1997 a Pesaro e a Bologna, si pongono come omaggi incentrati su approfondimenti di diversi aspetti della multiforme attività di Cantarini: il disegno, la pittura, le acqueforti, la committenza e  il collezionismo, le vivaci personalità che si sono formate sulla sua eredità artistica.

Dopo quello di Fano (dal 30 giugno), sabato 7 luglio, inaugura l'evento pesarese accolto ai Musei Civici di palazzo Mosca che esporranno le opere conservate in collezioni pubbliche e private della città, con alcuni importanti inediti. Particolarmente significativo è il nucleo di dipinti scelto dalla quadreria della Banca dell’Adriatico, che comprende capolavori assoluti, quali il celebre Ritratto di Eleonora Albani Tomasi. Altrettanto notevole il gruppo dei Cantarini della Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro, inanellati con alcune tele di collezioni private. Partendo dalle novità recentemente emerse sui due dipinti provenienti dalla distrutta chiesa dei Filippini - Maddalena e San Giuseppe penitenti - oggi ai Musei Civici, si rifletterà sul lascito di Cantarini nel clima artistico della Pesaro di metà Seicento, mettendo in luce alcune singolari e poco note personalità artistiche quali: Domenico e Giovanni Peruzzini, Giovanni Luffoli, Giulio Cesare Begni, Giovanni Venanzi, ulteriormente connotate da un nucleo straordinario di disegni inediti, anche del maestro, provenienti dal Fondo Antaldi della Biblioteca Oliveriana di Pesaro. Il percorso pesarese si completa nella chiesa di Sant’Agostino, di fronte alla casa natale del pittore, con la visione della giovanile, vibrante pala con la Beata Rita.

A Fano dal 30 giugno, nell’elegante cornice della Pinacoteca San Domenico, si articolerà un percorso sul tema del mercato artistico seicentesco. A partire dalle due opere di proprietà della Fondazione, Agar e l’angelo e Madonna della rosa, variamente replicate e copiate, sono esposte a coppie alcune repliche e varianti di invenzioni di Cantarini che riscossero un grande successo. Un inedito contributo sullo stesso tema, anche per la diffusione di questi modelli cantariniani, sarà l’esposizione di una ricca selezione di acqueforti del pittore. Grande risalto avranno le tre pale conservate al Museo Civico, con al centro il San Pietro che risana lo storpio, realizzato per la chiesa filippina di San Pietro in Valle. L’itinerario si completa con la visita al museo cittadino, dove si potranno ammirare molte delle opere da cui il pittore traeva ispirazione, in particolare quando lavorava per San Pietro in Valle: prima fra tutte, la amatissima Annunciazione di Guido Reni ma anche le pale, ‘caravaggesche’, di Giovan Francesco Guerrieri

Il Museo della Città di Rimini celebra invece il quarto centenario della nascita di Simone Cantarini in due momenti distinti. Il 25 luglio, giorno di San Giacomo, si terrà una serata di studi dedicata a San Giacomo in gloria, l'opera riminese che documenta la più alta e sublime adesione al linguaggio del maestro Guido Reni. Il 15 dicembre (sarà visitabile fino al 3 febbraio 2013) si inaugura la mostra di disegni e incisioni di Cantarini e artisti del suo entourage, tratti dalla raccolta della Biblioteca Oliveriana di Pesaro. Si rende così omaggio anche alla produzione grafica del geniale artista.

FANO PESARO RIMINI PER CANTARINI GENIO RIBELLE 1612-2012 è un progetto sotto l'alto Patronato del Presidente della Repubblica, promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali-Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici deille Marche, Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici delle Marche-Urbino, Regione Marche, Provincia di Pesaro e Urbino. La mostra di Pesaro è organizzata da: Comune di Pesaro-assessorato alla Cultura, Biblioteca e Musei Oliveriani, Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro, Sistema Museo, Intesa San Paolo, Banca dell'Adriatico, Banca Marche.

Le sedi

  • Fano per Simone Cantarini Pinacoteca San Domenico 30 giugno – 30 settembre
  • Pesaro per Simone Cantarini  Musei Civici palazzo Mosca 7 luglio – 9 settembre
  • Rimini per Simone Cantarini Museo della Città 15 dicembre 2012 – 3 febbraio 2013

“Fano, Pesaro, Rimini, le tre città adriatiche, tra cui quella che gli diede i natali e il famoso soprannome (‘il Pesarese’) celebrano lo speciale anniversario – spiega l’assessore Gloriana Gambini - promuovendo eventi legati dallo stesso obiettivo ma pensati per valorizzare storia, opere e temi dei luoghi coinvolti. L'intreccio che emerge consentirà di mettere a fuoco, da inediti punti di vista, quanto del pittore conserva la sua terra, in particolare tra Pesaro e Fano, luoghi primari della formazione e snodi della carriera, ma anche di offrire uno sguardo più ampio, attingendo ad opere provenienti da musei e collezioni private nazionali e internazionali”.

Fonte: Ufficio Stampa del Comune di Pesaro e www.pesarocultura.it

Pesaro 0914 luogo di partecipazione: chi volesse informazioni e/o chiarimenti in merito agli articoli pubblicati nella colonna centrale della homepage (relativi all'attuazione del programma di mandato nelle varie deleghe assegnate agli assessorati), può scrivere a pesaro0914@comune.pesaro.pu.it.



Comune di Pesaro - P .iva: 00272430414 - contatti - Copyright © 2010-2014 - credits