Portale tematico del Comune di Pesaro dedicato
alla verifica dell'attuazione del programma di governo (Mandato 2009 - 2014)
Consiglio comunale
domenica 25 agosto 2019
pubblicata da 6 anni, il 5 aprile 2013 (venerdì) alle 12:39

Viale Trieste, gara deserta ma progetto ritenuto valido da 10 aziende

Categoria: Viabilità

La situazione molto pesante delle banche e delle agenzie finanziarie ha reso difficile ogni tipo di investimento, anche quelli dotati di una vera sostenibilità economica.

PESARO - La Pesaro Parcheggi comunica che il bando di gara per l'affidamento della concessione di costruzione e gestione per la realizzazione di un parcheggio interrato sotto Viale Trieste con riqualificazione urbana ed ambientale in superficie, è andato deserto.

I motivi della gara deserta. Ascoltando le considerazioni delle aziende interessate, fermo restando la fattibilità dell'intervento, si evidenzia in particolare il dato della forte crisi economica-finanziaria, con ricadute negative sugli investimenti, e in particolare le difficoltà a rendere bancabile l'operazione sia per l'investimento vero e proprio sia per le garanzie giustamente richieste dall'Amministrazione comunale e dalla Pesaro Parcheggi, affinché l'opera avesse una continuità indipendentemente  dalle situazioni aziendali dell'investitore. Oggi questa capacità finanziaria è propria solo di pochissime aziende a livello nazionale ed europeo.

Il bando di gara, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale  europea e italiana e su diverse testate nazionali e locali, ha  suscitato l'interesse di oltre dieci aziende di livello nazionale che hanno visitato il luogo dell'intervento, chiesto chiarimenti sul progetto, approfondito gli aspetti tecnici e finanziari,  confermando la validità del progetto e del piano di fattibilità economica che prevedeva una marginalità post imposte del  8,57% al netto degli oneri finanziari, senza considerare i risparmi di costo derivanti dai ribassi e sconti ottenibili dall'impresa costruttrice, dai propri fornitori in corso di costruzione dell'opera quantificabili tra  il 18/20% rispetto al prezziario regionale sul quale è stato elaborato il computo metrico dell'intervento messo a bando, con una marginalità complessiva  di circa il 27/29%.

Nonostante la consapevolezza della forte sofferenza del mercato immobiliare  da alcuni anni, c'era la convinzione che quest'opera potesse essere un'alternativa di investimento per le Imprese in alternativa all'immobiliare abitativo e commerciale, tenendo conto che la realizzazione dell'opera  avveniva in un periodo in cui , come detto, si potevano realizzare forti sconti sui costi di costruzione e la vendita  in un periodo (2015-2016) in cui tutte le previsioni degli esperti ci danno fuori dal tunnel della crisi con una ripresa dei consumi e degli investimenti.

L'opera, strategica per l'Amministrazione comunale in funzione di una riqualificazione  urbana e ambientale del lungomare e la dotazione di un parcheggio alla zona turistica di ponente, era supportata anche dall'interesse reale degli albergatori di ponente e di levante, dai bagnini, dai residenti della zona mare e dai frequentatori la spiaggia provenienti dai quartieri periferici e dall'entroterra pesarese ed umbro.

Il progetto complessivo rappresenta una grande occasione per riqualificare l'offerta turistica in generale, cambiare la cartolina del lungomare di ponente, in definitiva un grande investimento per lo sviluppo turistico della città,  con l'intervento solo del privato al quale il progetto riconosce la giusta remunerazione  del capitale investito, una riqualificazione a costo zero per l'Amministrazione comunale che mette a disposizione l'area oggetto di intervento con la concessione del diritto di superficie in cambio  della riqualificazione urbana di viale Trieste da piazzale della Libertà e via Paterni.

Non un semplice intervento di riqualificazione. Pesaro è una città dalla forte identità, che fa del turismo una delle sue attività imprenditoriali rilevanti. Un lungomare che deve appartenere alla città e deve essere riconoscibile dalla cittadinanza e dai visitatori. Un viale elegante, capace di relazionarsi ai contemporanei interventi di architettura che interessano le città europee ma contestualizzato alla città. Un intervento che riesca a coniugare la funzionalità del parcheggio ad uno spazio superficiale di qualità.

Gli obiettivi prefissati ed il cui raggiungimento è ritenuto indispensabile sono i seguenti: 1. Creare una nuova immagine del lungomare di ponente che sia al contempo moderna ma soprattutto rappresentativa di un luogo con proprie specificità e peculiarità sia architettoniche sia storico-culturali. 2. Incentivare lo sviluppo delle attività commerciali e turistico-ricettive nuove con particolare attenzione alla valorizzazione di quelle esistenti, attraverso una gestione degli spazi che integri ed in sostanza permetta un migliore sviluppo delle attuali potenzialità. 3. Trasformare questa parte di città in un luogo significativo per gli abitanti, un polo di aggregazione prevalentemente estivo ma non solo. 4. Aumentare i servizi offerti dalla città e nello specifico consistenti prevalentemente in parcheggi e posti auto, al fine di rispondere con una struttura a servizio della mobilità, alle numerose richieste di sosta.

Un progetto di notevole qualità urbana, con un parcheggio molto innovativo, con i giusti collegamenti con la spiaggia, la viabilità ed il Centro storico ed  economicamente sostenibile.

Fonte: Ufficio Stampa Comune di Pesaro e Pesaro Parcheggi spa

Pesaro 0914 luogo di partecipazione: chi volesse informazioni e/o chiarimenti in merito agli articoli pubblicati nella colonna centrale della homepage (relativi all'attuazione del programma di mandato nelle varie deleghe assegnate agli assessorati), può scrivere a pesaro0914@comune.pesaro.pu.it.



Comune di Pesaro - P .iva: 00272430414 - contatti - Copyright © 2010-2014 - credits