Portale tematico del Comune di Pesaro dedicato
alla verifica dell'attuazione del programma di governo (Mandato 2009 - 2014)
Consiglio comunale
mercoledì 20 febbraio 2019
pubblicata da 8 anni, il 6 agosto 2011 (sabato) alle 10:40

Impianti sportivi alla Torraccia, il punto su stadio e tetto Adriatic Arena

Categoria: Urbanistica, Energia, Sport

Ceriscioli ha presentato due possibili soluzioni rispettivamente per la costruzione del nuovo stadio e per riqualificare la copertura dell'Adriatic Arena in ottica fotovoltaica. "La capacità dell'Amministrazione in questi tempi difficili deve essere quella di risolvere i problemi trasformandoli in opportunità", ha chiosato il primo cittadino.

torraccia-nuovostadio

Rendering del nuovo stadio

PESARO - Il sindaco Luca Ceriscioli ha illustrato un paio di progetti inerenti gli impianti sportivi in zona Torraccia. In primis il punto sul progetto di costruzione del nuovo stadio, con nuove intese tra Amministrazione comunale, Aspes spa e ditta Spinosa. A seguire il primo cittadino ha illustrato un'ipotesi progettuale di copertura dell'Adriatic Arena (il cui tetto attende una riqualificazione importante) con un "telo fotovoltaico", prima sperimentazione del genere in tutta Italia e forse anche in Europa.

Nuovo stadio. La ditta Spinosa Costruzioni, nell'ambito delle trattative con Amministrazione e Aspes, ha fatto una serie di proposte tra cui quella presa in considerazione da Comune e Aspes consiste in una permuta per arrivare a coprire le spese di realizzazione del nuovo stadio. Nei patti precedentemente stipulati a Spinosa doveva essere concessa la proprietà di un'area a Chiusa di Ginestreto (estensione di 10mila metri quadri destinati a terziario) stimata con un valore di 2,2 milioni di euro. Visto il periodo negativo dal punto di vista economico ed edilizio, la proposta di Spinosa consiste nel permutare la cessione dell'area nell'erogazione del valore economico della stessa (in questo caso, dopo l'okey di Aspes spa, il Comune dovrebbe indire il bando per la vendita dell'area girando il ricavato a Spinosa). Tale cifra comporterebbe uno "sconto di fatto" sull'importo dei lavori dello stadio.

Copertuna fotovoltaica dell'Adriatic Arena. Il tetto dell'ex Bpa Palas necessita di un grosso intervento di riqualificazione, pari ad almeno un milione di euro. L'ipotesi, che attende il via libera di Enel che sovrintende il Conto Energia (erogatore di incentivi per conto della partecipata dello Stato), consiste nel ricoprire l'Adriatic Arena di un telo o "pelle" fotovoltaico, che consentirebbe l'accesso a finanziamenti con minore dispendio di denaro per la fornitura energetica. Avrebbe una durata garantita di 20 anni ed una capacità di 0,7 megawatt  pari a 700 kilowatt/ora di energia prodotta, circa un terzo di quella del maxi parcheggio (pari a 2 megawatt e 2.325 kilowatt/ora di energia). Senza contare tutti i benefici derivanti dall’energia alternativa prodotta, che sfruttando la fonte solare riduce il ricorso alle fonti tradizionali, contribuendo quindi alla diminuzione dell’inquinamento atmosferico ed evitando così l’emissione di anidride carbonica. Inoltre, si tratterebbe - dopo la realizzazione del maxi parcheggio fotovoltaico - del primo grande impianto sportivo in Italia e probabilmente in Europa ricoperto di pannelli. Ovviamente il colore della copertura diventerebbe quello tipico dei pannelli solari, anziché il bianco attuale. "Stiamo preparando le carte da consegnare ad Enel, se ci daranno l'okey indiremo la gara per appaltare i lavori", ha spiegato Ceriscioli.

[Video a cura di Videosindacopesaro]

[Video: La storia della realizzazione dell'impianto a pannelli solari che ricopre il parcheggio gratuito dell'Adriatic Arena]

Pesaro 0914 luogo di partecipazione: chi volesse informazioni e/o chiarimenti in merito agli articoli pubblicati nella colonna centrale della homepage (relativi all'attuazione del programma di mandato nelle varie deleghe assegnate agli assessorati), può scrivere a pesaro0914@comune.pesaro.pu.it.



Comune di Pesaro - P .iva: 00272430414 - contatti - Copyright © 2010-2014 - credits