Portale tematico del Comune di Pesaro dedicato
alla verifica dell'attuazione del programma di governo (Mandato 2009 - 2014)
Consiglio comunale
martedì 16 ottobre 2018
pubblicata da 8 anni, il 10 settembre 2010 (venerdì) alle 13:52

Pantano, Villa Barbanti diverrà la sede dell'Aias

Biancani: "L’amministrazione non ha i fondi per sistemare gli immobili di sua proprietà, quindi o li aliena o li dà in gestione a privati che recuperano gli edifici a loro spese. Questa possibilità ci consente di ampliare l’offerta sociale o culturale".

Riportiamo un estratto dell'articolo di Patrizia Bartolucci riportato su "Il Resto del Carlino" di venerdì 10 settembre 2010.

PESARO - L’edificio comunale di via Fratelli Tesei a Pantano, meglio conosciuto come Villa Barbanti, diverrà una struttura residenziale per disabili gestita dall’Aias (Associazione italiana assistenza agli spastici). Vi si trasferirà, infatti, la Comunità socio educativa riabilitativa residenziale (Coser), attualmente ubicata in un edificio in corso XI Settembre (vicino all'intersezione con via Mastrogiorgio), sede anche del Centro socio educativo riabilitativo diurno (Cser).

La delibera è passata in giunta a luglio ed è stata illustarata nei giorni scorsi in Commissione Bilancio e patrimonio. Ora aspetta solo il via libera del consiglio comunale. L’operazione consentirà sia l’ampliamento di un servizio sociale gestito da un’associazione senza fini di lucro, sia la riqualificazione di un edificio di proprietà comunale, che altrimenti rimarrebbe dismesso. Nell’attuale sede del Corso risiedono quattro ospiti, mentre in via Fratelli Tesei diverranno otto, maggiorenni in condizioni di disabilità, con nulla o limitata autonomia e non richiedenti interventi sanitari continuativi, temporaneamente o permanentemente privi del sostegno familiare.

Il trasferimento consentirà di aumentare i posti anche del centro diurno in Corso XI Settembre, che potrà ospitare quattro utenti in più, salendo da 14 a 18. Il Comune cederà l’uso della struttura di via Fratelli Tesei a titolo gratuito per 25 anni, in cambio l’Aias ristrutturerà l’edificio, per una spesa di 345.836 euro. L’Aias opera a Pesaro dal 1963 con lo scopo di favorire le condizioni di piena integrazione di soggetti in condizioni di disabilità.

Parla Biancani. "L’amministrazione non ha i fondi per sistemare gli immobili di sua proprietà — ha spiegato l’assessore al Patrimonio Andrea Biancani —, quindi o li aliena o li dà in gestione a privati senza fini di lucro che recuperano gli edifici a loro spese. Questa seconda possibilità, tra l’altro, ci consente anche di ampliare un’offerta sociale o culturale. Non è il primo progetto che va in questa direzione da quando sono stato nominato assessore. Il primo è stato l’assegnazione di un capannone abbandonato in via dell’Acquedotto alla compagnia teatrale 'La piccola ribalta', che per risistemarlo ha addirittura aperto fidi personali".

Pesaro 0914 luogo di partecipazione: chi volesse informazioni e/o chiarimenti in merito agli articoli pubblicati nella colonna centrale della homepage (relativi all'attuazione del programma di mandato nelle varie deleghe assegnate agli assessorati), può scrivere a pesaro0914@comune.pesaro.pu.it.



Comune di Pesaro - P .iva: 00272430414 - contatti - Copyright © 2010-2014 - credits