Portale tematico del Comune di Pesaro dedicato
alla verifica dell'attuazione del programma di governo (Mandato 2009 - 2014)
Consiglio comunale
sabato 24 febbraio 2018
pubblicata da 7 anni, il 9 luglio 2011 (sabato) alle 11:28

Rete fognaria, fra cinque anni depuratore potenziato e allacci completati

Ceriscioli: "Attualmente siamo all'88% di collettamento delle acque reflue, con questo progetto arriveremo al 100% potenziando il depuratore di Borgheria, che arriverà a poter servire un potenziale di 110-120mila abitanti anziché i 90mila attuali". Oltre 14 milioni di euro di investimento finanziati da Aato e - si spera - Regione e Governo. Circa 15mila pesaresi interessati in sette interventi principali.

progettoretefognaria

Ceriscioli, Parasecoli e Omicioli

PESARO - Il sindaco Luca Ceriscioli, affiancato dall'assessore all'Ambiente Giancarlo Parasecoli, dall'ad di Marche Multiservizi Mauro Tiviroli e dal presidente dell'Aato provinciale Alighiero Omicioli, ha presentato il piano di potenziamento del depuratore cittadino e il progetto di collettamento complessivo dei quartieri cittadini al depuratore di Borgheria.

"Attualmente siamo all'88% di collettamento delle acque reflue - spiega il sindaco - con questo progetto arriveremo al 100% potenziando il depuratore di Borgheria (zona strada dei Cacciatori, Villa Fastiggi), che arriverà a poter servire un potenziale di 110-120mila abitanti anziché i 90mila attuali".

Un piano 5+5+5. Con questo progetto, finanziato con cinque milioni dall'Aato (che ha anticipato gli investimenti previsti per Pesaro nell'arco di sei anni nell'attuale piano triennale), e con una richiesta di finanziamento in atto di cinque milioni alla Regione Marche (summit con l'assessore al Bilancio Pietro Marcolini fissato per martedì 26 luglio) e di altri cinque al Governo, si avrà un sostanziale miglioramento delle acque del fiume Foglia e quindi del litorale pesarese, che attualmente ancora riceve gli scarichi di parte della città. Il precedente piano, realizzato nel 2005, era servito per potenziare il depuratore di Borgheria portandolo ad una capacità potenziale di 90mila abitanti.

Sdoppiamento sì o no? I percorsi di scelta riguardo questo progetto - nato per soddisfare i parametri di una direttiva europea - hanno comportato delle scelte molto importanti da parte dell'Amministrazione, in quanto si è optato per non proseguire nel progetto di sdoppiamento di tutti gli allacci fognari cittadini (cosa che avveniva dalla fine degli anni Sessanta, e che incontrava non pochi problemi e lungaggini, specie in zone sensibili come il centro storico). "Per evitare disagi e accellerare il percorso  - prosegue il primo cittadino - si è scelto di passare centro storico, parte di Pantano e parte di Villa San Martino allo scarico misto, che passa attraverso un unico tubo, senza avviare il processo di sdoppiamento in due tubi per acque chiare e scure. Sarebbe stato altrimenti un progetto assai dispendioso, molto lungo e faticoso sia per chi amministra che per gli abitanti". Infatti sdoppiare la rete fognaria nel centro storico avrebbe significato la trasformazione della città in un cantiere a cielo aperto per anni, con tutti i problemi relativi alla presenza di edifici storici e reperti sotterranei in varie parti della zona centrale della città.

Sul piano dei costi, il progetto presentato da Comune, Marche Multiservizi e Aato ha un impatto di 14.280.000 euro, mentre se si fosse perseguito il piano di sdoppiamento totale sarebbe costato 18.038.971 euro. Saranno avviati - in particolare - sette interventi: Soria Alta-Tombaccia, Villa San Martino, Ponte Valle, Edilstato, Calcinari, Pantano e Centro storico, per un totale di circa 15mila abitanti interessati. A questi si aggiunge - come già spiegato - il potenziamento del depuratore di Borgheria che - per diminuire il flusso di scarichi al fiume - dovrà sopportare un lavoro maggiore. Infine i tempi: questo progetto dovrebbe completarsi - a meno di intoppi imprevisti - in un lasso di tempo fra i tre e i cinque anni.

Nota sul programma di mandato

Nelle linee programmatiche 2009-2014 presentate nella campagna elettorale 2009 e votate in Consiglio comunale a luglio dello stesso anno, veniva posto come obiettvoda raggiungere entro il 2014 la realizzazione di 1.200 nuovi allacci di abitazioni al depuratore e il 90% di collettamento delle acque reflue. Con questo progetto il piano di collettamento arriverà al 100%.

DOSSIER VIDEO

[Servizio di Videosindacopesaro] + [Servizio di ViverePesaro]

Pesaro 0914 luogo di partecipazione: chi volesse informazioni e/o chiarimenti in merito agli articoli pubblicati nella colonna centrale della homepage (relativi all'attuazione del programma di mandato nelle varie deleghe assegnate agli assessorati), può scrivere a pesaro0914@comune.pesaro.pu.it.



Comune di Pesaro - P .iva: 00272430414 - contatti - Copyright © 2010-2014 - credits