Portale tematico del Comune di Pesaro dedicato
alla verifica dell'attuazione del programma di governo (Mandato 2009 - 2014)
Consiglio comunale
domenica 15 settembre 2019
pubblicata da 8 anni, il 15 aprile 2011 (venerdì) alle 11:15

Progetto Discobus, quattro candeline e obiettivi ambiziosi

Niccolò Di Bella, ideatore del Discobus e presidente di Royal Eventi, che coordina il progetto: «I numeri certificano il successo di un’iniziativa che si è andata via via perfezionando nel tempo, aumentando il ventaglio dei locali e delle istituzioni coinvolte. Il nostro obiettivo, sperando in un contributo maggiore di sponsor privati e nell’appoggio della Provincia di Pesaro e Urbino, è di continuare su questa strada, arrivando a toccare anche la zona di Urbino, per il momento scoperta, e di Marotta, con qualche pulman in più a disposizione».

discobus-staff2011

Lo staff del progetto Discobus

PESARO - Oltre quattromila ragazzi negli ultimi mesi hanno sfruttato il Discobus (per la precisione 4.146 dal 30 ottobre 2010 al 2 aprile 2011), il servizio di bus navetta dedicato al pubblico giovane e meno giovane diretto verso i locali da ballo della riviera. «Numeri importanti — commenta l’assessore alla Sicurezza Riccardo Pascucci — che spronano gli enti pubblici finora coinvolti nell’iniziativa a cercare di potenziarla il più possibile visto che rappresenta ad oggi l’unica capace di coniugare le esigenze dei giovani con la necessità di accrescere la sicurezza sulle strade». Il 14 aprile in conferenza stampa gli enti sostenitori (Comune di Pesaro, Unione Pian del Bruscolo, Comuni di Fano, Saltara, Cartoceto e la sezione provinciale dell’Aci) hanno presentato il bilancio annuale del progetto Discobus, arrivato alla quarta edizione.

«A muovere verso questa soluzione — ricorda il consigliere comunale Idv Niccolò Di Bella, ideatore del Discobus — fu la forte spinta emotiva che partì dalla città di Pesaro, segnata indelebilmente dall’ennesima immane tragedia che vide quattro ragazzi perdere la vita in una serata di festa. Due di quei giovani erano miei grandissimi amici e sono contento oggi di verificare che da allora qualcosa di significativo è stato fatto per prevenire altre stragi. Devo ringraziare le istituzioni che fin da subito hanno aderito al progetto come l’amministrazione di Pesaro e quella dell’Unione Pian de Bruscolo, ma se è stato possibile servire migliaia di giovani è stato grazie alla trasformazione del servizio da “prenotazione a chiamata in servizio di linea”. E questo è stato fatto per via della disponibilità di Adriabus nel fornire mezzi e personale e grazie al contributo offerto da nuovi enti come i comuni di Fano, Saltara, Cartoceto e dell’Aci nel sostenere anche economicamente l’aggravio di costi».

Soddisfatto dell’iniziativa anche il comandante della Polizia municipale Gianni Galdenzi, mentre l’assessore Pascucci sta progettando di riportare sulle strade di Pesaro il Nocturno Bus, e il suo servizio navetta per tutti i locali del porto, lungomare, Baia Flaminia e Sottomonte.

Fonte: rassegna stampa tratta da "Il Resto del Carlino - Pesaro" e "Il Messaggero - Pesaro" del 15/04/2011.

Pesaro 0914 luogo di partecipazione: chi volesse informazioni e/o chiarimenti in merito agli articoli pubblicati nella colonna centrale della homepage (relativi all'attuazione del programma di mandato nelle varie deleghe assegnate agli assessorati), può scrivere a pesaro0914@comune.pesaro.pu.it.



Comune di Pesaro - P .iva: 00272430414 - contatti - Copyright © 2010-2014 - credits