Portale tematico del Comune di Pesaro dedicato
alla verifica dell'attuazione del programma di governo (Mandato 2009 - 2014)
Consiglio comunale
venerdì 29 maggio 2020
pubblicata da 7 anni, il 21 marzo 2013 (giovedì) alle 17:00

Presentato il rapporto nazionale sul benessere equo e sostenibile

Categoria: Provincia, Altri Enti

Presente a Roma anche Matteo Ricci, coinvolto come presidente della Provincia selezionata come "campione" per la sperimentazione del nuovi indicatore. Prevista in primavera una due giorni tematica sul progetto Urbes, ovvero la sperimentazione del Bes in alcune città tra cui Pesaro.

www.misuredelbenessere.it

ROMA - Alla presentazione del primo Rapporto Istat sul benessere equo e sostenibile c’era anche Giorgio Napolitano. Da Montecitorio il presidente della Repubblica, insieme al ministro dell’Economia Vittorio Grilli e al presidente della Camera Gianfranco Fini, ha ascoltato con attenzione la relazione del presidente Enrico Giovannini e del presidente del Cnel Antonio Marzano.

Oltre al prodotto interno lordo c’è di più e i promotori ne sono convinti: «Se governo e parlamento usassero il benessere equo e sostenibile per valutare l’effetto dei provvedimenti, sarebbe una rivoluzione. La pubblica opinione ormai sa che questo tema non è un lusso».

Dalla provincia di Pesaro e Urbino è nato il percorso, attraverso il  sodalizio con l’Istat. Così la provincia è stata la prima realtà nazionale a sperimentare gli indicatori del benessere, il territorio pilota. «Di Bes si può parlare in tempi di crisi, a maggior ragione – nota il presidente della Provincia di Pesaro e Urbino -. Tenere conto non solo della crescita ma anche del livello di disuguaglianze e della sostenibilità è decisivo per il nostro futuro. Ci vogliamo interrogare sulla qualità della crescita e sulla ricerca di un nuovo modello di sviluppo dopo la crisi. La sperimentazione con l’Istat guarda proprio a questo. Il benessere equo e sostenibile non va confuso con la decrescita. Di decrescita ne vediamo già abbastanza in giro e la crisi acuisce le tensioni sociali. Il Pil resta importante, ma dobbiamo immaginare anche strade nuove per il Paese e i territori».

L’Ufficio Statistica della Provincia ha condotto la sperimentazione sui dodici indicatori. «A giugno presenteremo i risultati – annuncia Ricci - insieme alle altre principali città italiane. Anche oggi Giovannini lo ha rimarcato. Il senso e l’importanza dell’iniziativa sul Bes sono evidenziate dall’autorevolezza del rapporto Istat-Cnel e dalla presenza del presidente Napolitano alla giornata di oggi».

Nei prossimi mesi appuntamento a Pesaro con il presidente Istat«Altra tappa a Pesaro, con un seminario pubblico, per alimentare ancora il percorso insieme. Insistere sul Bes è un punto di partenza per realizzare un cambiamento culturale».

Info e materiali scaricabili su www.istat.it e www.misuredelbenessere.it

Piano strategico Provincia 2020: www.matteoriccipresidente.it

[In allegato i documenti in pdf del Bes 2013]

SPAZIO VIDEO - BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE, DI COSA SI TRATTA?

Il presidente Istat Enrico Giovannini spiega in sintesi come è stato pensato, strutturato e pianificato il lavoro di costruzione del nuovo indicatore del benessere, il Bes, di cui potete trovare tutte le informazioni su www.misuredelbenessere.it. E poi i pareri di giovani e meno giovani e la descrizione dei 12 ambiti di studio.

Fonte: Ufficio Stampa Provincia di Pesaro-Urbino

Pesaro 0914 luogo di partecipazione: chi volesse informazioni e/o chiarimenti in merito agli articoli pubblicati nella colonna centrale della homepage (relativi all'attuazione del programma di mandato nelle varie deleghe assegnate agli assessorati), può scrivere a pesaro0914@comune.pesaro.pu.it.



Comune di Pesaro - P .iva: 00272430414 - contatti - Copyright © 2010-2014 - credits