Portale tematico del Comune di Pesaro dedicato
alla verifica dell'attuazione del programma di governo (Mandato 2009 - 2014)
Consiglio comunale
sabato 20 luglio 2019
pubblicata da 8 anni, il 16 novembre 2011 (mercoledì) alle 13:00

Restauro di Palazzo Mazzolari Mosca, un patrimonio da valorizzare

Categoria: Manutenzione, Cultura

Sono iniziati i lavori di restauro sulla facciata principale del prestigioso palazzo di via Rossini.

www.pesaronuoveopere.it

Palazzo Mazzolari Mosca in via Rossini

PESARO - Sono iniziati da pochi giorni gli interventi su palazzo Mazzolari Mosca che faranno tornare all’antico splendore la facciata principale che si affaccia su via Rossini. “Non si tratta di una semplice pulizia ma di un intervento necessario per preservare l’apparato decorativo e intervenire con operazioni di consolidamento che impediscano un ulteriore degrado – spiega l’assessore alla Cultura Gloriana Gambini -. Inoltre, l’analisi puntuale dello stato conservativo ha evidenziato la necessità di restaurare tutti gli elementi in legno (persiane e infissi) e quelli in ferro (inferriate e balaustre del terrazzo), in modo tale da riportare all’originale bellezza la facciata di un dei più bei palazzi del Settecento”.

“Il processo di restauro dunque procede – sottolinea l’assessore alle Nuove opere Rito Briglia -, con l’obiettivo, dopo il rifacimento del tetto, di restituire gradualmente l’edificio ad una più ampia fruizione pubblica. Questo intervento va ad aggiungersi ai tanti lavori eseguiti e da eseguire nell’ottica della riqualificazione del nostro importante patrimonio”.

Cenni storici tratti da Pesaro Cultura. L’imponente edificio di via Rossini viene commissionato da Antonio Maria Mazzolari e costituisce nel suo assetto attuale la sintesi di molti interventi realizzati tra il XVIII e il XX secolo. E’ costruito tra il 1736 e il 1768 su progetto di Giannandrea Lazzarini cui si affianca, anche per la vertenza intentata dal proprietario al Lazzarini, l’allievo Tommaso Bicciaglia. Caratterizzato dal classicismo cui si ispirano le costruzioni del Lazzarini, il palazzo si presenta maestoso nella facciata, arricchita dal portale con colonne abbinate che sostengono il balcone del primo piano. Dall’atrio si accede alla scala principale, vero e proprio scalone d’onore per dimensioni e ricchezza formale ed elemento di maggior rilievo dal punto di vista architettonico. Dopo vari passaggi di proprietà, nel 1842 il palazzo è acquistato dalla marchesa Vittoria Mosca che ne fa la sua residenza di collezionista. Alla sua morte (1885), come prevede il testamento, l’edificio con le raccolte passa al Municipio di Pesaro affinché vi si costituisca un Museo Artistico Industriale per la ‘gioventù studiosa’; inaugurato nel 1888, rimane aperto fino ai primi anni del Novecento. Uffici comunali occupano il palazzo fin dal 1930; oggi vi si trovano ancora la sede dell'assessorato alla Cultura e parte dei depositi dei Musei Civici.

[Dossier sui lavori di restauro della facciata di Palazzo Mazzolari Mosca]

Fonte: Ufficio Stampa del Comune di Pesaro

Pesaro 0914 luogo di partecipazione: chi volesse informazioni e/o chiarimenti in merito agli articoli pubblicati nella colonna centrale della homepage (relativi all'attuazione del programma di mandato nelle varie deleghe assegnate agli assessorati), può scrivere a pesaro0914@comune.pesaro.pu.it.



Comune di Pesaro - P .iva: 00272430414 - contatti - Copyright © 2010-2014 - credits